Finché, sul fiume, sospeso, seguendo…

 Del cavaliere anarchico, madre sacrificale. L’istinto e la passione.        Dolore.

 

 

Insofferente crebbe nella libera giustizia d’essere.

Era vento. Malinconico come la spuma del mare dileguandosi

                                                                           

                                                                         …in pianto sapeva delle foglie dorate

                                                     cadute.

 

Spirito vagabondo,

nel sangue gli correva il blues

                                   

Cercava per dannarsi, per non trovare

                                                                                   …quando si ha, si ha paura di perdere.

Rifugiava se stesso nei bar

negli avanzi dei ristoranti

in affetti spiati…                        sulle panchine, al bordo dei locali.

 

Riciclava i morti di sigaretta

negli angoli bui, sui marciapiedi stretti, nelle campagne forti

nell’odore dell’erba…

                                               …ossessionava la mente con le ragazze degli autobus

con quelle che per telefono

comunicavano i trenta ai loro papà,

quelle che per rigetto gli negavano il baratto d’un sorriso.

 

Senza la bottiglia e una penna

un uomo di blues

non batte le strade

 

è per le ragazze di campagna

con le ginocchia strette

andava componendo poesie,

reticolati di Bravais

 

           mentre intorno si vedeva crescere i caldi bordelli

di sconosciute amicizie

 

era un uomo col blues che gli scorreva nelle vene

disperso

spirito in fiamme d’un raggio viola

 

diceva dell’arte: altro non è, che un uomo buono

che soffre dannatamente

 

per la donna che aveva una volta.

Finché, sul fiume, sospeso, seguendo…ultima modifica: 2013-06-02T23:59:42+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2007 e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento