Nell’onore

Siate mie signore del cielo

stelle

così a piedi camminando, sotto l’ombra

 

vi possa guardare,

complice.

 

Da dietro la pipa della tua fragilità

ti nascondi

padre

quello che sempre sei stato, senza urla o botte incoscienti

cheto.

 

Dopo anni sono sempre il tuo ragazzo insicuro

preso in giro

che cerca di far valere qualche sua vanagloria

dietro i pollai a rincorrere le galline ma non per spaventarle

 

ma perché sono così…leggero, da non volere che uova fresche da bere

 

per sentirmi accettato.

Nell’onoreultima modifica: 2013-06-13T08:41:50+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2007 e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento