Non è tempo per le ideologie: una ginestra che non si gira più.

 

di vacche magre di quelle grasse
di topi in strada
di                         urlaaaa                nel  Sahara

silenzioso

far strappar le tracce sotto il vento, sotto le stelle. Come
come votare; non è ancora tempo!
Le ideologie
non possono guidare il popolo ancora,
il sogno è morto, s’un drappo rosso e non c’è tempo.                Rinascere colibrì sulla storia

delicato, troppo prezioso, fragile.

Non si vuole credere,
conquistare i cuori nella gente, se impaurita. Come?
Non è tempo. Non è tempo, perchè ancora
bisogno di un Padre padrone e leader regga                                               i nostri passi sulla strada entro gli argini,                                             dalla deriva; non è tempo
perchè abbiamo bisogno delle costrizioni
per eticamente comportarci critici e con coscienza. Pensare è fatica; e e allora, non è tempo. Non è tempo

se bisogno abbiamo del possesso, ancora…

di oggetti amori e riconoscenze
per sentirci vivi.

Non è tempo ancora                                                       se abbiamo bisogno di dimostrare l’esistenza, di lanciarci in                             abbuffate volitive, volgari, come quando ricordo
ottemperanza al sacro dio dell’abbondanza… e così Sia…
ci lasciamo andare. Bisogno del vuoto per riempirci.
spaceoutDi non pensare per riposare. Dramma di una società che non riconosce ancora
la sua comunità. Pensiamo al nostro respiro come la nostra pelle, guardando fuori
come a qualcosa non minimamente collegato. Abbiamo bisogno           di distinguerci per riconoscere le Nostre Creature del Signore.
Chi siamo. Abbiamo bisogno                                                    di sentirci

appagati da una vendetta.     Da un odio riscosso.               Non è tempo

ai confini da difendere      se ancora pensiamo                                      alla Terra latrina dove sciacquare nascosti, i nostri simulacri dismessi, senza gente di altro colore, senza gente di altra nazione, senza altra gente che non conosciamo.                                                  Non è tempo se pensiamo che l’amore si conquista con la guerra                                      la pace col coltello, la sedia con la spinta. Non è tempo           se abbiamo bisogno di sfoghi e come in imbuti incanaliamo                        la noncuranza per l’Ignoranza e il Bello,                     il sapere da dove Tutto Questo viene.                    Non è tempo

Il Mareeeese ancora cerchiamo l’appendiabiti di un sorriso                con due uncini,          se cerchiamo i soldi per manifestarci,                                                         con la costruzione, cementificare
uccidere                                                                                                                               arricchirsi                           e                                  distruggiamo la Natura credendoci distanti                                anteposti e posposti in una credenza spaventosa purtroppo               in un’unica supposta evoluzione, sottoposti. Retrogradi. Non è tempo. Non vogliamo

essere liberi,

non vogliamo democrazia diretta

perchè non vogliamo decidere.
Mangiamo ancora carne per sentirci soddisfatti. Crediamo ai sentimenti
come ai vincoli. Scivoliamo negli .ismi avendo paura del grande mare blu

spaceout (1)
sconfinato… sconfitti.

Forza! Arringate il coraggio, saldate bene, i piedi, sulla terra
che le stringhe siano ben strette, i cuori allineati
bendate i titubanti, gl’indecisi, gl’umiliati
ritirate su le ghette, le riding-coat, verdi o nere, giarrettiere insufflate
forza, vecchi spiriti giacobini!

Ogni nostro nervosismo, parola o sentimento che allontana, distingue estranea…
..è una gabbia di barre                posta davanti, impedendoci
il sole, il caldo, il cielo, il mare.
Non vogliamo credere, non vogliamo credere
e allora non è tempo ancora
se tutto questo, pensiamo,
sia solamente poesia. Che lo debba dire un Papa
per essere giusto.
Non siamo ancora pronti
se sporchiamo solo quello che non è “il nostro”.
Non siamo ancora pronti
se crediamo che esista un “dentro” e chi
è “fuori” sia sfortunato a non vivere il Mondo,
l’unico possibile, “il Nostro”.

Non siamo ancora pronti
se pensiamo che ci sia qualcosa
che non ci compete, se pensiamo che “non si può fare”
perchè “non sta bene”, se infine l’opinione di tanti
vale più di quella di uno.
Non siamo pronti se ancora non capiamo che forma
e l’unica levatrice è la cultura,

che forma gli uomini, che ci accompagna

verso la strada della civiltà,                                  della presa in arte della responsabilità
di chi siamo e la non messa in deroga
la prima forma della schiavitù moderna…

è nella Cultura,
la porta del futuro,                                                           la sensibilità del percepire l’oltre.
Non siamo ancora pronti se pensiamo che questa sia                          solo un’altra strada
dallo scambiare merce con denaro, proporla e somministrarla,
veleno che ci dimentichiamo di quando speriamo,                 nell’acquisto e lasciamo andare le mani che abbiamo stretto.
Nel circolo gretto del lavora-produci-acquista-crepa
non è tempo per gli ideali.

 

Non è tempo per le ideologie: una ginestra che non si gira più.ultima modifica: 2014-03-02T13:51:58+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2014 e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento