La nostalgia

 

Quello che manca

pone in un principio di vertigine stabile

il sapere e il non saper attendere,

alcuni pensieri

’ . ’ .  ’ .  ’  .  ’   ’   .   ’  ‘  ‘ . . ‘  vento…    tra i salici i rami come la coda di una sirena …

rincorrono e danno tepore, ma è una colpa

la nostalgia

dalla quale non si fugge

 

ogni viaggiatore così

lasciata dietro di sé un’avventura

pulita e sporca e rarefatta

con le spalle dentro l’alba

s’incammina verso ovest

…dimenticando

 

Al seguito le lune come totem intagliati

nei pensieri diventano fenici

ogni trama intelaiata è resa storia

ha delle maioliche di nostalgia

che gli angeli e le bestie catturano

per darsi speranza o suicidio.

Oblio o parvenza d’avvenire.

 

In un gioco scomposto

la cattura dei giorni

è un modo di rispondere al perché presto tutto finisce,

 

al dire che è tutto un’illusione

dell’illusione -viene risposta- ci si nutre.

 

I fiumi d’inchiostro così

grami nella terra motosa dopo la pioggia

possono descrivere la nostalgia:

come tragedia

come vaso di un avvenire incerto

ma di un equilibrio stabile.

 

La nostalgiaultima modifica: 2014-09-14T09:10:08+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2006 e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento