Mia aria,

 

                                    tua ira

 

Lasciami parlare con te.

Ne ho bisogno.

T’inseguo nella notte

tra i contorni sfocati delle luci.

Barcollanti figure di corpi.

 

Lasciati avvicinare

in quei sogni da cui mi scacci.

I tuoi occhi, sono così freddi

nella notte.

Cosa sono?

Dove

da ombra

potrò ritrovarmi?

 

Ti prego,

se ti appaio nero

e per far si che ne trovi il bianco.

 

Oddio

quanto ti amo;

 

Quasi da gioire del dolore…

tuo dono lasciato

solo a me

…da custodire

gelosamente.

 

Mia aria,ultima modifica: 2014-10-09T09:27:17+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2006 e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento