Nel chiarore

 

Dove te ne vai?

dopo

artista di strada

vagabondo di giorni,

cavaliere senza promessa,

vedrai mai la fine di una strada?

petalo in disordine

nell’agonia dei fati

 

mi appassico… il chiaro-scuro delle lenzuola stese, quando all’insù contro il sole giocano davanti ai miei occhi, al vento e mi nascondono i tuoi, dietro gli scuri delle tue persiane verdi,

lo so quello che pensi

memento,

monito di sacra sindone

è un falso asso               !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!                                                    Non sei pregata da nessuno.

 

….avvolta in te stessa

mi chiudi quel pezzo di pane che ti chiedevo, che non ti costava, ma ti avrebbe dato piacere

e nell’ombra che ti sei lasciata alle spalle, sei rimasta sola.

Come ognuno di noi.

Senza tempo notte del Sud scendi, nelle scale ti accompagno io, terrò le tue mani nelle mie, così …  ubriaco di malinconia, tu piccola stella, del deserto degli amori scendi… ti guardo mentre ti danzano gli occhi tra le nuvole, depositali qui.

Dove io ho fame.

Nel chiaroreultima modifica: 2014-10-19T20:05:21+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2006. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento