La doccia

La doccia

 

Se solo avessi il coraggio e la forza

di abbandonare tutto

lasciarmi e dal piacere

condurmi!

Quando mi sono svegliato,

esattamente 10 minuti fa,

non ho voluto pensare dove ero a Parigi, nel mondo,

o chi ero

che dovevo fare

che stavo facendo prima d’addormentarmi;

ero nel letto

mi ero appena svegliato da un sonno dove continuavo a ripetermi:

abbandona

fregatene

la materialità,

la materialità via

via

abbandona tutto.

 doccia-emozionale

Sveglio,

in un languore

in un mugugno

piacevole

basso e dolce

mi sono andato a fare una doccia;

ho messo Beethoven

e sono entrato nel box;

ho fatto pipì

neanche reggendolo, il potere divino l’ho lasciato ciondolare

così

come un braccio nelle pietà rinascimentali;

nel frattempo l’acqua calda,

la luce spenta,

doccia

per non perdere il tepore del sogno

la lasciavo scorrere

sul mio corpo

nudo

e in pace.

Senza sapere.

La docciaultima modifica: 2014-10-24T22:46:51+00:00da wildwingswawe
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Poesie 2006. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento